Parte il TennisHistory! Galazzi, il “Tramelli” è una passeggiata

Da sinistra: Emanuele Sabattini, Egidio Livraghi, Fabio Galazzi, Stefano Bracchi e il giudice arbitro Maristella Dorotea.

Questo articolo è presentato da:

Pubblichiamo per inaugurare una nuova rubrica che si chiamerà “TennisHistory” un articolo del 1999 che riguarda alcuni noti tennisti della provincia di Piacenza. L’obiettivo è quello di riportare alla memoria momenti storici del Tennis Piacentino quando ancora non esisteva il portale del TennisPiacentino. Sarà un appuntamento che si ripeterà più volte all’anno e, anzì, invitiamo i numerosi tennisti ad aprire i cassetti e farci pervenire ritagli di giornale, foto, aneddoti del tennis e dei protagonisti della nostra provincia.


Luglio 1999

Dopo Fiorenzuola e San Nicolò. Fabio Galazzi detta legge nei tornei di categoria C della provincia. Ha una marcia in più, il bombardiere di Roveleto. Soprattutto se i campi sono veloci.

Alla Tennuoto il mancino è andato a nozze e non ha avuto problemi ad aggiudicarsi il Memorial Ernestino e Renzo Tramelli, un classico ormai del panorama piacentino, in scena per la ventunesima volta. Prima testa di serie, ha lasciato tre game a Turri, due a Brusini, tre a Berzeri nei quarti, uno al parmense D’Antonangelo, pure lui C1, in semifinale e due per set a Stefano Bracchi. Un percorso senza ostacoli. I punteggi si commentano da soli.


Bracchi, finalista, è stato la sorpresa del torneo. Il quindicenne C2 ha eliminato due C1, mettendo a segno due “positivi”. Dapprima nei quarti si è liberato del parmense Pescina, poi in semifinale del compagno di squadra Giorgio Groppi. A proposito di Groppi. Non è riuscito a prendersi la rivincita su Galazzi, da cui aveva perso in finale a Fiorenzuola. Favorito d’obbligo contro Bracchi ha avuto un black out nervoso dopo aver perso il primo, compromettendo così l’incontro.

Il tabellone ha visto Galazzi numero uno, Groppi due, Pescina tre, D’Antonangelo quattro, poi i C2, Gabbiani, Bracchi, Lanati e Menta. Dei primi abbiamo già detto. Gabbiani è arrivato a destinazione cedendo a D’Antonangelo, così come Lanati, battuto da Groppi. E’ uscito subito di scena, invece, Menta, sconfitto dal C3 modenese Cuoghi al termine di una lunga battaglia conclusasi 6/4 al terzo. Giudice arbitro è stata Maristella Dorotea, con Beppe Lezzi assistente.

RISULTATI – Quarti: Galazzi-Berzeri 6-2 6-1, D’Antonangelo – Gabbiani 6-1 6-3, Bracchi – Pescina 7-6 6-4, Groppi – Lanati 6-4 6-2. Semifinali: Galazzi – D’Antonangelo 6-0 6-1, Bracchi – Groppi 6-3 6-1. Finale: Galazzi – Bracchi 6-2 6-2.

Condividi questo articolo con i tuoi Social

WhatsApp
Facebook
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *