Altissimo livello alla Tennuoto: il 2.1 Naso si aggiudica l’Open Maschile

Questo articolo è presentato da:


Altissimo livello tennistico per la finale dell’Open singolare maschile giocatasi ieri sugli assolati campi della Tennuoto. Le temperature proibitive, 37 gradi, non hanno impedito la conclusione dell’ultimo match che vedeva opposti il siciliano Gianluca Naso, 2.1 di classifica, contro il giovane 2.4 della Canottieri Bissolati Riccardo Mascarini. Il divario di classifica non si è però fatto vedere in modo eclatante e il pubblico ha assistito ad un match di eccellente livello tecnico. Mascarini ha provato il tutto per tutto e a tratti ha raccolto soprattutto dal servizio e dallo spettacolare rovescio ad una mano numerosi punti. Certamente dall’altra parte c’era un muro! Naso aveva una precisione e un timing sulla palla che facevano chiaramente emergere il passato da numero 175 del ranking ATP. Il punteggio finale a favore di Naso è stato un onorevole 6/3 6/3.

Dalle parole del maestro del circolo Fabio Galazzi… “il torneo ha avuto questa punta di diamante non aspettata, un ragazzo che è stato un professionista fino a due anni fa e ha deciso di venire da noi. Ci ha fatto molto piacere anche se a dire la verità ha sconvolto un po il livello per le classifiche di base che erano un pochettino più basse. La finale comunque è stata una ottima partita. Pensavamo tutti che si concludesse velocemente e invece che stato match. Mascarini non avendo nulla da perdere ha dato tutto ed ha mantenuto alta l’attenzione in una partita piacevole che il pubblico ha gradito con numerosi applausi. Mascarini, 18enne di Cremona, ha fatto un grande salto negli ultimi due anni e da terza categoria, adesso è un 2.4 che può ambire, vedendolo oggi, a migliorare ulteriormente.”

Nel torneo oltre che ai suddetti giocatori hanno fatto bene giungendo in semifinale il veterano parmense Daniele De Berardis (2.6) che ha perso nettamente 6/0 6/2 con Naso e Tommaso Metti (2.4), di Santa Margherita Ligure, che ha perso dopo una battaglia con Mascarini 7/5 4/6 6/2.

Tra i giocatori “locali” nel tabellone principale troviamo il 2.7 Filippo Lupi che ha ceduto 6/0 7/5 a Mascarini, Carlo Michelotti che da 3.1 si è guadagnato il tabellone cadetto per poi cedere 6/1 6/2 da De Berardis, Lorenzo Zacconi che ha perso dal pavese Federico Chiesa 6/1 6/3, in grande crescita agonistica il giovane del 2000 Francesco Gregori Amorini, che ha battuto prima Michele Della Cagnoletta 6/1 6/1, poi Luca Gasparotto 6/3 7/6 ed ha ceduto 6/2 6/3 da Naso.

Chiusi anche i tabelloni intermedi, nel terza Carlo Michelotti si è imposto su Marco DeBiaggi 6/2 6/1 e nel quarta il vincitore è stato Mauro Scrivani su Nicola Assiemi 6/4 6/1.

Unico neo del torneo da segnalare è stata la concomitanza di un Open a Fidenza, con un montepremi più alto, che ha probabilmente tolto qualche iscritto di seconda categoria anche se alla Tennuoto il siciliano Naso ha fatto alzare l’asticella dei valori in campo.

Alla premiazione presenti gli organizzatori Chiara Mantelli, il direttore di gara Fabio Galazzi, il giudice arbitro Luigi Bisi, il delegato provinciale Gianni Fulgosi, il consigliere regionale Fit Amelio Grassi e un numeroso pubblico di appassionati.

Di seguito alcune immagini della manifestazione:

 

 

Condividi questo articolo con i tuoi Social

Share on whatsapp
WhatsApp
Share on facebook
Facebook
Share on email
Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.